Cosa c’è dietro l’angolo

ipp    ipp

Serata ricca di riflessioni, quella a Serdiana presso la Collina. L’incontro si è aperto con l’intervento di Ettore Cannavera : (presentazione : Cosa c è dietro l’angolov4- Testo dell’intervento con immagini: Ettore Ettore Introduz 13 aprile v2).

Si è poi svolto l’intervento di Andrea Deffenu sulle questioni costituzionali e una tavola rotonda che ha voluto riprendere alcuni temi trattati nel documento. Importanti contributi sono stati dati da Silvano Tagliagambe sulle precondizioni dello sviluppo, sull’innovazione e sul tema scuola, da Luisa Sassu che ha ripreso il tema del lavoro, da Valentina Sanna sulla partecipazione e da Fernando Codonesu sui temi trattati nel documento dello sviluppo, dell’energia, dell’ambiente e delle servitù militari.

Ha seguito confronto con ospiti e partecipanti, coordinati da Ottavio Olita, con utili contributi tra cui quello di Massimo Dadea che tra l’altro ha proposto un’indagine che raccolga i dati sugli effetti derivanti dall’inquinamento della nostra isola.

Seguiranno approfondimenti.

 ipp

Annunci

Sottotraccia

Abbiamo lavorato sottotraccia, confrontandoci sui diversi temi chiave relativi alla nostra Terra.

Abbiamo quindi elaborato una serie di riflessioni che ora rendiamo disponibili al pubblico.

Il documento ( clicca qui TdP – riflessioni, idee e proposte per la nostra terra )  è un primo documento che fa il punto della situazione e che potrà essere aggiornato alla luce del confronto sui temi per noi chiave che presenteremo e discuteremo a La Collina a Serdiana e a cui siete già tutti invitati

Venerdi 13 Marzo alle 17,30

TdP Incontro 13 marzo 2015

 

I temi vertono su :

1 – LA BUONA SCUOLA
2 – ENERGIA
3 – PER UNA SARDEGNA DI PACE
4 – INNOVAZIONE
5 – LAVORO E WELFARE
6 – TERRITORIO, AMBIENTE , PAESAGGIO e SVILUPPO
7 – CAPITALE SOCIALE, CREATIVITA’ E COESIONE
8 – PARTECIPAZIONE E POLITICA

Chi lo gradisce può informarci della propria presenza

Governare come dimettersi

Vi proponiamo qui la lettera aperta Sulle Mie Dimissioni_e Altro di Fernando Codonesu uno dei fondatori di Terra di Pace e sindaco di Villaputzu, candidato alle regionali e ora dimissionario dal suo ruolo di primo cittadino della città  del Sarrabus.

Fernando presenta i motivi delle sue dimissioni. Da parte nostra esprimiamo la solidarietà a chi mette in prima fila lo spirito di servizio e il rispetto delle regole etiche nella politica.

 

Sulle mie dimissioni da Sindaco del Comune di Villaputzu

di Fernando Codonesu – 3 maggio 2014

slide0841_image072

 

Lo scorso 30 aprile è stato il mio ultimo giorno da Sindaco. Sento l’esigenza di ringraziare di cuore tutti coloro che mi sono stati vicini in questa esperienza per me molto importante. Esperienza che mi ha consentito di rinsaldare una profonda ed antica relazione con la terra che mi ha dato i natali.

Ho dedicato 5 anni a lavorare per e con la mia comunità, sempre rinunciando a ogni tipo di remunerazione. Ho incominciato nel mese di dicembre del 2008, in qualità di esperto della Commissione che ha analizzato i risultati dell’indagine ambientale sul Poligono Interforze del Salto di Quirra, e ho continuato fino al mio ultimo giorno da sindaco, il 30 aprile, che si è concluso con l’approvazione definitiva del Piano Particolareggiato del Centro Storico.

Continua a leggere

Etica e Coesione

Scontro in tv Barracciu-don Cannavera: “Lei è un prete e mi ha lanciato i coltelli” .

Così titola L’UnioneSarda.it a seguito dell’attacco unilaterale di Francesca Barracciu nei confronti di Don Ettore Cannavera dell’Associazione Terra di Pace e Solidarietà.

L’articolo su Unione Online prosegue:

Francesca Barracciu, costretta a ritirare la candidatura alla carica del governatore, si è tolta i sassolini dalle scarpe.

Ospite della trasmissione “Dentro la notizia”, in onda su ieri su Videolina, è andata all’attacco. Dopo la vittoria del centrosinistra, coalizione che avrebbe dovuto guidare per le Regionali, ha accusato chi l’avrebbe voluta fuori e sostituita con Francesco Pigliaru. “Per tre mesi ho subito il massacro mediatico da mandanti del centrosinistra”, ha detto. Poi è andata all’attacco di don Ettore Cannavera: “Lei è un prete, mi sarei aspettata che mi tendesse la mano, invece mi ha lanciato i coltelli”.

Come anche in trasmissione è stato chiarito da don Cannavera, l’Associazione Terra di Pace e Solidarietà ci tiene a precisare che tutta la vicenda della sostituzione del candidato Presidente e il passo indietro della Barracciu sono tutte interne alle dinamiche dei partiti e del PD in particolare. Non sono state dettate da nessuna azione di Don Ettore Cannavera, che già  da tempi non sospetti, ovvero quando non erano neanche avviate le primarie, a fine luglio, aveva solamente e giustamente sollecitato a porre grande attenzione al tema dell’etica nella politica, augurandosi un passo indietro da parte di chi aveva delle pendenze penali.

L’Associazione Terra di Pace e Solidarietà ha certamente sollecitato in seguito la coesione delle forze del centro sinistra in precedenza senza un orientamento comune e questo è stato un bene anche alla luce dell’esito elettorale che ha premiato il candidato Francesco Pigliaru scelto come figura fuori dai partiti. Ma gli esiti elettorali ci confermano anche che non bisogna abbassare la guardia sul tema etico e va posta attenzione alla scarsissima numerosità dei votanti, fermi al 52%, segno del disagio e dell’assenza di attenzione e responsabilità civile da parte dei tanti cittadini delusi dalle dinamiche e dalle logiche dell’attuale politica. Fenomeno certamente causato anche dalla debolezza del sistema dei partiti e ci auguriamo che questa sia l’occasione per un forte rinnovamento del fare e dell’apporto proattivo dei cittadini alla vita sociale e politica della nostra Terra.

Designazione del Presidente Regionale

Comunicato Stampa

a firma del Presidente Associazione Terra di Pace e Solidarietà,  Don Ettore Cannavera

L’Associazione Terra di Pace e Solidarietà non intende entrare nel gioco del “totonomine” del candidato del Centrosinistra alla Presidenza della Regione. Questo perché la scelta di chi dovrà guidare la Sardegna in anni decisivi per il futuro di questa terra, e in particolare per le aspettative delle giovani generazioni, non può dipendere ancora una volta da generici livelli di gradimento. Continua a leggere

Il narcisista e il ritrattista

Il narcisista e il ritrattista

di Silvano Tagliagambe

il narcisista Le cronache di questi giorni, gli scandali, gli abusi grandi e piccoli commessi da chi occupa posizioni di potere e le preoccupazioni di chi riflette sulle possibili conseguenze di questa situazione evidenziano la presenza sulla scena politica di due atteggiamenti contrapposti, con una vasta gamma di posizioni intermedie.

Continua a leggere

Questione morale e questione culturale

Nella infausta situazione politica nella quale ci troviamo, a livello nazionale e regionale, è ovvio, doveroso e giusto concentrare l’attenzione sulla questione morale.

Ciò non deve tuttavia farci dimenticare che siamo anche di fronte a una seria questione culturale, che si manifesta nell’assoluta incapacità di pensare politicamente. In tempi migliori si diceva, giustamente, che pensare politicamente significa saper individuare e distinguere strategia e tattica, finalità irrinunciabili e di lungo periodo e obiettivi contingenti e flessibili e riuscire a raccordare le une agli altri, componendo un quadro coerente e armonico.

Continua a leggere

I sogni son desideri…

La morte del prossimo di Luigi Zoja, psicanalista junghiano, è un libro importante, che coglie e analizza in profondità il paradosso fondamentale del nostro tempo, effetto diretto della globalizzazione: la distanza del vicino e la vicinanza del lontano. La contrazione dello spazio e il sempre più agevole, rapido ed economico superamento delle distanze favoriscono i rapporti tra persone lontanissime e sembrano penalizzare invece quelli che intercorrono fra chi vive nella stessa regione, nella stessa città, nella stessa via, persino nella medesima casa. Così il mondo sembra diventare sempre più piccolo, al punto che, volendo esemplificare al massimo, potremmo dire che l’abitante di Sedilo, che magari fatica a parlare con il suo vicino e si guarda in cagnesco con lui o semplicemente lo ignora, ha una “distanza” con il presidente Obama di sei strette di mano al massimo.

Continua a leggere

Nasce l’Associazione

Nasce  Terra di Pace e Solidarietà,  l’Associazione Culturale e Politica guidata da Ettore Cannavera che si concentra sui temi dell’impegno politico.

P1260322 ettore su palco

Al secondo incontro, quello del 6 dicembre 2013, presso la Comunità La Collina a Serdiana (CA)  hanno fatto parte i fondatori e una vastissima folla composta da tantissime persone attente all’impegno sociale e / o politico.

P1260316 genete ott olita e mauro t

Nasce un confronto propositivo e fecondo, attento alle classi deboli e orientato a infondere fiducia nel futuro.
Nasce per essere occasione di crescita e per un impegno politico, scevro da interessi e come luogo di testimonianza verso i valori di Pace e di  attenzione alla nostra Terra, alla Solidarietà, al Lavoro e all’Istruzione.

  P1260317 vista d'insieme